martedì 11 settembre 2018

Un utile riassunto sulle incongruenze del 9/11





di Gary North


Lew Rockwell ha pubblicato un articolo dettagliato su queste incongruenze.

L'articolo afferma che metà degli americani non crede alla versione ufficiale. Questa è certamente una buona notizia. Indica che le persone non sono così facilmente raggirabili. Ma qualcosa del genere accadde anche dopo l'assassinio di Kennedy. Nel giro di un anno dall'assassinio, Mark Lane scrisse il suo libro confutando il rapporto della Commissione Warren, e da allora ci sono stati centinaia di libri che sono stati ugualmente scettici. Non è qualcosa di nuovo.

Al contrario, la percentuale di americani che crede nella versione di Pearl Harbor di Franklin Roosevelt, rilasciata al Congresso nel suo discorso dell'8 dicembre 1941, rimane alta. Gli storici revisionisti iniziarono a lavorare sulla versione ufficiale già nel 1946. Ma, ancora oggi, i libri di storia non indicano che la versione ufficiale abbia sempre avuto enormi buchi. Nessuno li ha mai corretti. Sono semplicemente stati ignorati. Le università non insegnano nulla tranne la versione ufficiale. Sotto questo aspetto, c'è stata una barriera straordinariamente efficace alla verità su Pearl Harbor.

L'articolo sul 9/11 contiene molte informazioni preziose. Ci sono molti riassunti online. Ci sono molti video scettici. Un esame superficiale di una mezza dozzina di queste esposizioni porta la persona media a concludere che non c'è modo che la versione ufficiale possa essere vera. Il problema è questo: non deve esistere un'alternativa coerente alla versione ufficiale. Siamo tornati al vecchio problema: non si può battere qualcosa se non si ha niente per combatterla.



LA GUERRA DEL VIETNAM

C'è stato un cambiamento fondamentale nell'opinione pubblica fin dalla guerra del Vietnam. Quando i giovani iniziarono a rivoltarsi contro Lyndon Johnson poiché iniziarono ad essere arruolati per combattere in quella guerra, ci fu una perdita di fiducia nel governo federale. Le vittime della coscrizione iniziarono a capire che le giustificazioni ufficiali alla guerra erano illegittime. Ciò li portò a mettere in discussione la versione ufficiale riguardante il Golfo del Tonkino del 1964 e il presunto attacco alle navi americane da parte dei nordvietnamiti. Oggi sappiamo che quella fu una fake news.

Questo evento e la guerra che ne seguì, insieme ad una visibile sconfitta dell'esercito degli Stati Uniti, si verificarono nello stesso periodo in cui si sollevavano dubbi sull'assassinio di Kennedy. La combinazione di attivismo contro la guerra e scetticismo riguardo alla guerra, portò alla prima importante riconsiderazione di milioni di americani riguardo le versioni ufficiali del governo federale. Quello fu un punto di svolta nella storia americana.

Allo stesso tempo, dal 1965 al 1970, le università furono minacciate dagli attivisti contro la guerra. La Old Left inizialmente favorì la guerra in Vietnam. Ciò significava le facoltà della maggior parte delle università americane. Solo dopo tre anni di battaglie infruttuose e la crescente macellazione di truppe americane, la Old Left cominciò a vacillare. Questa era l'era dei nuovi movimenti di sinistra.

La New Left iniziò ad influenzare la storiografia nei campus. I più giovani tra gli storici cominciarono a sfidare il paradigma del progressismo. Furono gli storici della New Left, in particolare Gabriel Kolko, che alla fine stabilirono il legame tra l'ascesa delle agenzie federali di regolamentazione e la protezione dalla concorrenza che queste agenzie fornivano alle grandi imprese. Questa era una rottura completa con la vecchia linea progressista bipartisan. Murray Rothbard riconobbe immediatamente l'importanza del libro di Kolko del 1963, The Triumph of Conservatism. Il punto di vista di Kolko era coerente con la mia comprensione del libero mercato. Il governo non stava agendo per difendere il consumatore americano. Stava agendo per difendere gli oligopoli che avevano messo i soldi per far eleggere i politici.

Questo è il motivo per cui esiste un mercato per le critiche alle spiegazioni ufficiali di quasi tutto. Questo è salutare ma, in assenza di tagli al budget, questo scetticismo è economicamente e politicamente irrilevante. Finché gli elettori continueranno ad eleggere politici che concedono enormi quantità di denaro alle agenzie federali, non ci saranno cambiamenti. Le burocrazie riconoscono solo i tagli di bilancio come minacce significative al loro potere. Non ci sono tagli di budget. Non importa quanto gli americani siano scettici riguardo alle spiegazioni ufficiali su un evento specifico, ciò non porta ad una sfida significativa alla religione dello stato.



NON BASTA SOLO LO SCETTICISMO

Ci sono molte critiche sulla spiegazione ufficiale dell'11 settembre, ma non esiste una spiegazione alternativa ampiamente accettata su come si siano svolti gli eventi. L'occultamento da parte del governo ne è una parte. Ma un'altra parte è l'assenza di qualsiasi concetto concordato di causalità storica.

Questo è il motivo per cui non prendo sul serio le conclusioni dell'autore che ha scritto l'articolo critico riguardo le spiegazioni ufficiali. È un evoluzionista. Inoltre, non è uno storico esperto. Cerca di trarre conclusioni sulla causazione storica basandosi su teorie dell'evoluzione biologica. Ciò è comprensibile, dal momento che Darwin riuscì a contrabbandare la teoria di base dell'evoluzione biologica nel razionalismo scozzese del XVIII secolo, il quale strizzava invece l'occhio all'evoluzionismo sociale. F. A. Hayek presentò questo punto mezzo secolo fa.

Ecco cosa scrive l'autore.
Dopo l'11 settembre ci sono stati così tanti buchi nella versione ufficiale che la gente ha iniziato a sondare altre fonti di informazione. Non molte persone sanno che le nostre fonti di informazione sono nelle mani di pochissimi individui con interessi particolari; una manciata di aziende e le relative persone che le gestiscono.

Siti web come Collective-Evolution hanno iniziato a spuntare come funghi e pochi anni dopo l'11 settembre hanno iniziato a guadagnare più trazione. Il nostro sito Web da solo ha accumulato oltre 1 miliardo di visualizzazioni sin dalla sua nascita.

La gente ha iniziato a rendersi conto che il mondo in cui viviamo non è il mondo che ci è stato presentato, e che la divulgazione di informazioni minaccia i piani delle élite globali, quali che possano essere. Ha iniziato a rendersi conto che le "notizie" non erano realmente notizie; erano solo storie selezionate, e molto altro ancora stava succedendo dietro le quinte, per quanto riguardava i principali eventi globali.

Questo scetticismo ha anche dato vita a movimenti come Wikileaks.

Come risultato di questa attenzione di massa, le altre notizie che non facevano parte dei media generalisti sono state criticate ed etichettate come "fake news".

Entità come Snopes, in collaborazione con Disney, hanno ora iniziato a censurare le informazioni ed i sostenitori della sicurezza nazionale degli Stati Uniti stanno usando le "fake news" come giustificazione.

Questo è quanto i media "alternativi" hanno avuto impatto sul globo, e ora è in atto una guerra per fermarli. Ma la verità non si ferma mai; continua ad insinuarsi qua e là, trasformando la mente e la percezione delle masse e, quindi, creando la possibilità per la trasformazione del nostro mondo.

Ha smosso la coscienza collettiva

Questo è un grande punto. L'11 settembre è forse uno degli eventi che sta smuovendo la coscienza collettiva, il che include i nostri pensieri, sentimenti e percezioni del mondo.

Anche a livello cellulare, gli organismi possono cambiare in molti modi, spesso a seguito di cambiamenti nel loro ambiente. L'11 settembre è uno di questi cambiamenti che sta cambiando il modo in cui percepiamo il nostro ambiente. Ha svegliato milioni, se non miliardi, di persone di fronte all'inganno e alla corruzione che affligge il nostro mondo.

Dopo il 9/11, chiunque abbia messo in dubbio la versione ufficiale è stato fatto passare come stupido o pazzo. Oggi è una storia molto diversa, e questo dimostra semplicemente quanta informazione sia trapelata e quanta trasparenza ci sia, nonostante i massicci sforzi di impedire che trapelasse.

Quando la nostra visione del mondo cambia, l'intera esperienza umana inizia a cambiare, e pensando e facendo domande critiche, e prendendo l'iniziativa nel farlo, facciamo i primi passi verso il cambiamento. Succede così tanto, proprio davanti ai nostri occhi, eppure rimaniamo continuamente ciechi. Quando iniziamo a vedere, questi eventi diventano ancora più difficili da spiegare dalle élite.

Questo è solo un modo in cui l'11 settembre ha contribuito a cambiare le coscienze. Come possiamo crescere, evolvere e migliorare come razza umana quando c'è così tanta segretezza nel nostro mondo? Le informazioni aprono la porta alla scoperta, cosa che a sua volta apre la porta al cambiamento paradigmatico delle rivelazioni, che a sua volta apre le porte ad una nuova esperienza umana. Se siamo costantemente tenuti all'oscuro di ciò che accade realmente nel nostro pianeta e di ciò che è realmente accaduto riguardo a eventi come l'11 settembre, non possiamo comprendere tutte queste esperienze di guerra, odio e avidità, nelle nostre vite o in un scala collettiva.

In definitiva, un cambiamento nelle coscienze deve avvenire nel cuore di coloro che approfondiscono queste storie, perché il cambiamento inizia dall'individuo, e la consapevolezza è la chiave.

Non soffermiamoci sugli "eventi fatidici accaduti quel giorno", quando quei cosiddetti "terroristi" fecero quel che fecero. Vediamo invece attraverso le menzogne che perpetuano la guerra e la paura, e riprendiamoci il nostro potere. Iniziamo a pensare, a mettere in discussione e ad esaminare, invece di pensare continuamente a "ciò che ci viene detto" da un piccolo gruppo di persone.

Non mi piace l'etichetta "coscienza collettiva". Preferisco di gran lunga "visione del mondo".

Mi chiedo: chi sono esattamente questi "noi"? Come realizzeremo tutto questo? Come arriviamo in fondo a queste storie? Quali altre tecniche, intendendo tecniche di interpretazione storica, ci permetteranno di arrivare alla verità? In che modo "noi" recuperiamo il nostro potere? Cosa ci dovremmo fare? Chi ci rappresenterà?

Questa è sempre stata la pretesa dei conservatori politici. I teorici della cospirazione ci dicono ancora e ancora che se solo potessimo far vedere la verità agli americani, tutto andrà meglio. Se le "persone" -- Il Popolo -- sapessero la verità, non accetterebbero più le bugie del governo. Non accetterebbero più un governo che perpetua la menzogna. Questo è un mito che era fondamentale per il razionalismo greco, cioè, conoscere il bene produrrà il bene. Ci sono poche prove storiche a supporto di questa tesi.

Se le persone non sono d'accordo sui criteri della verità, che è certamente il caso per quanto riguarda le teorie alternative dell'11 settembre, allora come ci sarà un cambiamento fondamentale nell'attuale gerarchia del potere? Non possiamo battere qualcosa se non abbiamo niente con cui combatterla. Non possiamo battere la versione ufficiale con una dozzina di versioni non ufficiali che sono dibattute all'interno del campo degli scettici. Gli scettici sono altrettanto scettici su tutte le spiegazioni rivali. Quindi la versione ufficiale rimane dominante nei libri di testo e nei media mainstream.

La soluzione a questo dilemma è tagliare i finanziamenti al governo federale. Se non ci sono grossi guadagni disponibili per coloro che vogliono usare il potere federale, allora saremo meno soggetti alla manipolazione statale. La versione ufficiale non avrà molta presa.

Gli storici hanno paura di guardare attentamente all'11 settembre. Non vogliono perdere il lavoro, soprattutto se non sono di ruolo. Non vogliono essere ridicolizzati dai loro coetanei. Sono spaventati. Sono burocrati. Non vogliono mordere la mano che li nutre.

Quindi chi ripulirà la strada dalle bugie? Non i campus universitari. La New Left è ormai diventata la Old Left. Ha una propria linea di partito da difendere. È stata a letto con il governo federale per tutta la sua storia. Il mondo universitario è stato dipendente dai finanziamenti federali per mezzo secolo. Semmai questa ruota dovesse smettere di girare, metà delle facoltà saranno licenziate. I membri della facoltà lo sanno molto bene.



CONCLUSIONI

Non saremo liberati attraverso l'esposizione della verità. Non importa chi la faccia, dobbiamo essere liberati dalla dipendenza economica dal governo federale. La rete di sicurezza promessa dal governo federale è diventata l'equivalente di una camicia di forza.

Le persone non vogliono abbandonare la fonte della loro sicurezza. Non vogliono credere di essere state ingannate dai politici nazionali come minimo sin dal 1787, e in realtà dal 1775. La Rivoluzione americana fece di più per aumentare il debito federale e la tassazione federale di qualsiasi altra cosa che fosse avvenuta prima del 1775. Il Parlamento britannico eresse un paradiso fiscale in Nord America nel 1770. I libri di storia non ne discutono.

Gli elettori non vogliono vedersi considerati come dei pazzi. Secondo l'autore dell'articolo sembra che le menzogne del governo federale siano iniziate ad essere proferite di recente. È ingenuo. È arrivato in ritardo alla festa. La festa è politica. È bipartisan. Solo la bancarotta del governo federale porrà fine a questa festa.

Finché il governo federale conserverà il sostegno degli elettori, manterrà la sua legittimità. Finché manterrà la sua legittimità, gli scettici potrebbero lamentarsi di questa o quella spiegazione ufficiale di eventi cruciali, ma nulla cambierà.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://francescosimoncelli.blogspot.it/


Nessun commento:

Posta un commento