lunedì 3 ottobre 2016

La crisi bancaria tedesca accelera





di Gary North


Credo che ci sarà un piano di salvataggio statale per Deutsche Bank quest'anno. Anche Commerzbank potrebbe versare in cattive condizioni. Le sue azioni stanno scendendo di valore.

Se il governo tedesco dovrà intervenire, allora i depositanti europei si chiederanno: quali banche sono sicure?

Possono depositare euro nelle banche delle altre nazioni della zona Euro. Ma quali banche? Quali nazioni? La Germania è sempre stata la migliore scelta.

Alcuni hedge fund stanno ritirando i soldi da Deutsche Bank. Bloomberg riferisce:

I fondi, un piccolo sottoinsieme di oltre 800 clienti nel mondo degli hedge fund della banca, questa settimana hanno spostato parte dei loro derivati ​​in altre imprese, secondo un documento bancario analizzato da Bloomberg News. Tra di loro c'è Millennium Partners di Izzy Englander, Rokos Capital Management di Chris Rokos, e Capula Investment Management, ha detto una persona vicina alla situazione che ha rifiutato di far divulgare la propria identità.

Per ritirare, devono poi depositare di nuovo. È così che funziona il denaro digitale. Per tirare fuori il vostro denaro digitale dalla Banca A, è necessario inviarlo alla Banca B. Questa è essenzialmente una cosa che avviene in simultanea. Così il settore bancario nel suo complesso non finisce in pericolo. L'offerta di moneta non si restringe, ma la fiducia si erode.

Le banche delle altre nazioni nella zona Euro non riescono a competere contro quelle tedesche. I Paesi Bassi hanno banche attente, ma sono piccole. Anche l'Austria è nota per la sua attenzione bancaria. Ma il denaro probabilmente rimarrà all'interno delle banche tedesche.

Se il governo lascia che la banca fallisca, ciò invierà un messaggio ai depositanti negli altri paesi: la Germania non è più un rifugio sicuro. I depositanti -- in particolare i grandi depositanti -- dovranno applicare la dovuta diligenza quando sceglieranno le proprie banche. Ma non hanno un sacco di tempo. Devono scendere dalla nave che affonda prima che essa li faccia affondare. Si profila all'orizzonte un haircut.

In retrospettiva il Regno Unito ha fatto bene ad abbandonare l'Europa. Gli inglesi non hanno aderito al sistema monetario della zona Euro. La loro uscita non ha provocato nessuna crisi in Gran Bretagna. Il parlare di recessione e crisi del commercio sono state entrambe sciocchezze. Il mercato azionario vola alto.

Ora sono le banche tedesche sotto assedio. Se le banche più forti nella zona Euro si troveranno ad affrontare una crisi, allora cosa accadrà a quelle in Spagna, Italia, Portogallo e Francia?

Questo è un segnale d'avvertimento per gli eurocrati. L'UE e le sue burocrazie stanno traballando. Non ci saranno vantaggi a rimanere nell'UE se il suo sistema monetario cadrà a pezzi. Le nazioni richiederanno la sovranità sul settore bancario. Questo significa un ritorno alle banche centrali nazionali e alle monete nazionali.

La Merkel può rassicurare gli elettori secondo cui il suo governo non salverà Deutsche Bank. Credo che farà marcia indietro se l'alternativa è il fallimento. La banca deve ora $14 miliardi ai mutuatari ipotecari truffati. La capitalizzazione complessiva della banca è $14 miliardi.

Sembrava tutto così facile nel 2007, quando le azioni della banca erano vendute a €100 euro. Oggi sono vendute a circa dieci.

Al centro del globalismo ci sono le banche. I fallimenti bancari rivelano le fondamenta instabili dell'esperimento globalista. Ecco perché la crisi di Deutsche Bank va oltre i depositanti, il cui capitale è a rischio. Potrebbe diffondersi alle altre banche della zona Euro.

Mario Draghi ha promesso nel 2012 di fare "tutto il necessario". Quella promessa sembra sempre più problematica da mantenere.

I mercati sembrano gestire bene questa situazione. Anche nel 2007 sembrava che l'avessero presa bene.

Queste sono le grandi banche. Il fatto che stiano incontrando problemi sette anni dopo l'inizio della ripresa è inquietante. Dovrebbero essere fuori dai pericoli. Stanno finendo nei guai, invece.

Vi lascio con un video che riguarda molto da vicino Deutsche Bank.






[*] traduzione di Francesco Simoncelli: http://francescosimoncelli.blogspot.it/


2 commenti:

  1. Come ricordo spesso, le corse agli sportelli al giorno d'oggi vengono fatte da broker che guardano i monitor dei loro computer e non rinnovano i contratti presso un'istituto reputato rischioso. Basta un clic. L'esposizione delle controparti ai derivati di Deutsche Bank è passata da $72,000 miliardi a $42,000 miliardi. I problemi sono iniziati quest'estate quando una filiale di Deutsche Bank negli USA non ha passto gli stress test annuali della FED. Per non parlare della mancata consegna di oro fisico.

    Come sottolinea il questo articolo della Reuters, i depositanti sono gli ultimi fessi a sapere le cose. Non osservano. Non se ne preoccupano. Pensano che lo stato fungerà da prestatore di ultima istanza. Pensno che lo zio Mario terrà fede alla sua promessa del 2012. Ma qui stiamo parlando di una banca con una leva di 40:1, mentre la Lehman ne aveva una di 24:1. Più i problemi vengono sepolti sotto vagonate di cartastraccia, più erutteranno prorompenti quando l'illusione del denaro fiat si dissolverà. Questa è la legge dei rendimenti decrescenti.

    Quando pensate a Deutsche Bank, pensate a Rube Goldberg.

    RispondiElimina
  2. Your cash is good at the bar.....

    RispondiElimina