lunedì 13 luglio 2015

Si sta avvicinando una tempesta generazionale


Ricordo a tutti i lettori che è in vendita il mio libro "L'Economia E' un Gioco da Ragazzi". Manoscritto incentrato sulla diffusione delle idee della Scuola Austriaca attraverso spiegazioni e analisi semplificate e dirette. Una presentazione adatta ad un vasto pubblico, a dimostrazione che per capire l'economia non è necessario un gergo tecnico ma solo logica e buon senso. Il libro è disponibile sia su Lulu.com sia su Scribd.

__________________________________________


di Bill Bonner


Ieri abbiamo dato un discorso di alti principi alla Classe del 2015.

Abbiamo spiegato come i giovani laureati non solo sono gli individui più indebitati nella storia, ma anche coloro che hanno minori probabilità di ripagare i loro debiti.

I salari mediani stanno scendendo sin da quando questi laureati avevano circa cinque anni... lo stesso vale per i tassi della crescita economica.

Oggi continuiamo un discorso che nessuno vorrebbe fare...

Siete eredi di frasi fatte, senza senso, teorie fasulle e miliardi di dollari di debito.

I sistemi, i programmi e le istituzioni che hanno messo in piedi i vostri genitori sono (al meglio) delle truffe. Al peggio, producono risultati contrari ai loro obiettivi dichiarati.

I programmi d'assistenza sociale non aiutano le persone a sfuggire alla povertà; ce la fanno sprofondare ancora di più.

I programmi d'assistenza sanitaria non li fanno restare in salute; li rendono dipendenti dal settore farmaceutico.

La spesa dell'industria della difesa non ci rende più sicuri; finanzia droni, interventi maldestri e omicidi... e crea più nemici all'estero.

Non solo diventiamo più poveri, ma anche meno sicuri.

Tutte queste affermazioni richiedono più tempo di quello che abbiamo per essere spiegate. Ma ecco un piccolo esempio che potreste apprezzare...



25 anni di Povertà

All'epoca del presidente Johnson, il governo statunitense istituì il Federal Direct Student Loan Program per fornire "prestiti ad un tasso d'interesse basso" (allora "basso" significava l'8%) agli studenti.

I finanziatori privati concedono i prestiti, ma ricevono il pieno sostegno dei federali.

L'idea era quella di garantire agli studenti l'accesso all'istruzione superiore... e quindi di guadagnare stipendi più alti. E con tali guadagni ripagare il prestito.

Ora lo Student Loan Program ha il tasso d'insolvenza più alto tra tutte le forme d'indebitamento delle famiglie (mutui ipotecari, prestiti per comprare automobili, carte di credito), avendo superato l'11% del debito totale.

E probabilmente salirà di più... poiché gli studenti contrarranno più debiti. Il debito totale degli studenti aumenterà fino a $3,300 miliardi entro il 2025.

Che cosa faranno se non riusciranno a ripagarlo?

Beh, i federali hanno una soluzione. Il problema è che si trasformerà nella cosa che il programma avrebbe dovuto evitare.

Ecco come funziona...

Fino a quando il vostro reddito è basso, potete effettuare piccoli pagamenti ogni mese. Continuate così per 300 pagamenti e il debito è considerato soddisfatto, non importa quanto poco abbiate pagato.

In altre parole, lo Student Loan Program v'incoraggia a vivere in condizioni di povertà per un quarto di secolo affinché possiate sbarazzarvi del vostro debito studentesco.

Molto probabilmente sarà anche facile.

In primo luogo, perché la maggior parte delle lauree fa ben poco per rendervi più preziosi agli occhi dei datori di lavoro.

In secondo luogo, perché le manovre dei vostri genitori renderanno difficile un qualsiasi avanzamento finanziario.

Il reddito medio familiare – dopo averlo aggiustato all'inflazione – è in calo sin dalla fine degli anni '90. E i lavori buoni sono difficili da ottenere. Oggi, in America, i lavori tra i "capifamiglia" sono diminuiti rispetto al 1999.

E potete scordarvi d'avviare una vostra attività. Il numero delle nuove start-up sta crollando. (La lista dei paesi in cui è più facile avviare un'impresa vede gli Stati Uniti al quarantaseiesimo posto, secondo i dati della Banca Mondiale della settimana scorsa.)

Potete ringraziare i vostri genitori anche per questo. Il sistema è progettato per proteggere le loro prestazioni previdenziali e sanitarie, i loro portfoli azionari e le loro imprese.

Proteggerli contro cosa?

Da voi!

Voi siete il futuro. Voi siete la concorrenza. Voi siete quelli che vorrebbero smuovere le cose e abbattere i muri della burocrazia, delle tasse, del lavoro d'ufficio e della regolamentazione che rendono così difficile avviare nuove imprese, ottenere posti di lavoro buoni e creare ricchezza reale.

Dovreste parlare di rivoluzione – rupudiare i debiti da miliardi di dollari dei vostri genitori e tirarvi fuori dalle loro guerre alla povertà, all'analfabetismo, agli iracheni, agli afgani...

È necessario fermare questi programmi stupidi, inutili e costosi, in modo da poter avere le risorse per pagare i propri programmi e lanciare le proprie guerre stupide.

Dovete sbarazzarvi dei mostri creati dai vostri genitori – milioni di persone improduttive che ricevono soldi dal governo – in modo da potervi permettere le vostre famiglie... i vostri progetti personali... e i mostri di vostra scelta.



Un Sistema Creditizio Suicida

È necessario fermare anche il sistema monetario basato sul credito che avete ereditato dai vostri genitori.

Non lo sapete, vero?

I vostri professori di politica, economia e finanza non ve ne hanno mai parlato, vero?

Ebbene, il sistema è corrotto e autodistruttivo. Funziona solo se si aumenta la quantità di debito nella società – incluso il debito degli studenti.

E funzionerà fino a quando la bolla del debito non diventerà così grande da saltare in aria.

Ma c'è una logica... una logica subdola che vi trasforma in babbei rispetto alle generazioni più anziane.

La spesa a credito favorisce i detentori del capitale... e le persone che possono rivendicare i soldi dello stato.

Lasciatemi spiegare...

Quando lo stato prende in prestito denaro, dà i soldi ad uno zombie affinché li spenda, oppure li spende direttamente.

Di solito il denaro finisce nelle mani di una persona anziana – i vostri genitori, o i vostri nonni – grazie ad una qualche forma di sussidio sociale, pensione, lavoro, contratto, o programma di sostegno.

Quando spendono i soldi, finiscono nelle casse delle corporazioni. Questo aumenta i profitti... e i prezzi delle azioni.

Chi possiede queste corporazioni?

Voi?

No?

E allora chi?

I vostri genitori e i vostri nonni ne beneficiano di nuovo. Sono i proprietari di asset finanziari. Aumentando il credito, spostano la ricchezza reale dal futuro al presente... e da voi a loro.

Questo è denaro che non avete ancora guadagnato.

Ve lo spiego meglio: lo stato prende in prestito un dollaro e lo dà ad uno dei suoi zombie da compagnia. (Potrebbe essere un ricercatore, un tossicodipendente, o qualcuno che fabbrica bombe.)

Il denaro và – in un modo o nell'altro – ad una corporazione che lo registra come una vendita.

Se ha un margine di profitto del 10%, 10 centesimi vengono registrati come profitto. Se vende ad un rapporto P/E di 20 volte, il prezzo delle sue azioni sale a $2. Questo rende il proprietario delle azioni – che potrebbe essere uno dei vostri genitori – due dollari più ricco. (Sto banalizzando... ma per farvi capire il punto.)

Ma ora lo stato è in debito di $1 in più. E chi paga?

Voi!

I vostri genitori e i vostri nonni sono in pensione... e stanno raccogliendo i frutti della previdenza sociale e dell'assistenza sanitaria. Pensano che saranno in grado di vendere le loro azioni... e le loro case... e avranno ancora più soldi da spendere.



È Tempo di Fare Tabula Rasa

Adesso tocca a voi...

Dovete trovare un posto di lavoro in modo da poter pagare le loro prestazioni previdenziali e sanitarie. Dovete pagare le tasse in modo che possano continuare le loro guerre. Dovete acquistare una casa in modo che possano trasferirsi in Florida e andare in pensione.

Dovete votare per i loro candidati... lavorare nelle loro aziende... e pagare i loro conti.

Questa è la prova che dovete affrontare. State arrivando alla fine di un'espansione del credito che dura da 60 anni.

Il debito è cresciuto. L'economia è cresciuta. Noi, i vostri genitori, abbiamo goduto di un'espansione economica iniziata quando siamo nati ed è continuata, con alcune brevi interruzioni, fino a quando siamo andati in pensione.

Siamo usciti dal circuito scolastico con poco o nessun debito. Potevamo avviare imprese con meno impedimenti. Potevamo accendere prestiti per finanziare le nostre imprese e le nostre vite. Potevamo assumere, licenziare, cambiare lavoro... comprare e vendere case... spostarci da un posto all'altro.

Eravamo liberi – e più ricchi – rispetto a voi...

...a meno che non fate tabula rasa dei nostri debiti... delle nostre guerre insensate e dei nostri programmi inutili... dei nostri tentativi di ostacolare il futuro e impedirvi di vivere una vita libera e ricca.

Se non sfidate questa realtà, erediterete i nostri conti, le nostre regole, i nostri limiti, i nostri obblighi, le nostre delusioni, i nostri pregiudizi e le nostre vanità.

Erediterete anche una crisi finanziaria – peggiore della crisi del 2008 – e una lunga depressione economica.

L'espansione del debito degli ultimi 60 anni si trasformerà in una triste contrazione del debito, trascinando l'economia in un'altra Grande Depressione.

O trovate un modo per aggirare, rifiutare, o sgonfiare i debiti dei vostri genitori... oppure perirete sotto il loro peso per il resto della vostra vita.

O vi liberate dalle stupidaggini che i vostri genitori vi hanno messo sulla schiena... oppure vi meriterete quello che vi aspetta.

Congratulazioni, babbei.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: http://francescosimoncelli.blogspot.it/


4 commenti:

  1. tabula rasa... si', ma come? qualche idea?
    ANZ

    RispondiElimina
  2. dna quanno ce vo' ce vo'14 luglio 2015 21:09

    Posso essere tranchant?
    Co sta calura?!?

    Che so' ste generazzzzioni? N'artro macroaggregato statalista keynesiano de li mortacci loro?

    Ed a me che me frega? Io so de la generazzzzzione der boom e mo' puro quella der bust?
    I bacucchi me se stanno a magna' li contributi mia e sti pori fii de na mignotta me se stanno a magna sti quattro soldi stramaledetti cor telefonino e le fregnacce...
    Aho! Io me leggo Jim Rickards e lo metto in pratica a la faccia loro e chi s'e' visto s'e' visto....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può finire solo in due modi, Dna. O saranno i giovani a staccare la spina, oppure si arriverà lentamente al Grande Default. :-)
      Nel frattempo ci sarà dolore economico.

      Elimina
    2. Non se ne esce.
      O il ripudio del debito viene organizzato a livello globale coinvolgendo tutti, oppure, unilateralmente non è affatto indolore, anzi.
      Che ne pensi?
      http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/05/21/europa-le-conseguenze-di-un-ripudio-del-debito/989766/

      Elimina