mercoledì 24 giugno 2015

Come la liquidità va a finire nel mercato azionario


Ricordo a tutti i lettori che è in vendita il mio libro "L'Economia E' un Gioco da Ragazzi". Manoscritto incentrato sulla diffusione delle idee della Scuola Austriaca attraverso spiegazioni e analisi semplificate e dirette. Una presentazione adatta ad un vasto pubblico, a dimostrazione che per capire l'economia non è necessario un gergo tecnico ma solo logica e buon senso. Il libro è disponibile sia su Lulu.com sia su Scribd.

________________________________________


di Frank Shostak


In un'economia di mercato il denaro fornisce un servizio importante, ovvero, quello di mezzo di scambio. I produttori scambiano i loro prodotti con il denaro e poi scambiano quest'ultimo con altri beni.

Poiché la produzione di beni e servizi aumenta, ciò significa una maggiore domanda per quel servizio svolto dal mezzo di scambio.

Al contrario, se l'attività economica rallenta, la domanda per il servizio svolto dal denaro diminuisce.

La domanda per il mezzo di scambio viene anche influenzata dalle variazioni dei prezzi. Un aumento dei prezzi di beni e servizi, porta ad un aumento della domanda per il mezzo di scambio.

La gente chiede più soldi per permettersi beni e servizi più costosi. Un calo dei prezzi di beni e servizi, si traduce in un calo della domanda per il mezzo di scambio.

Ora prendiamo l'esempio in cui ha luogo un aumento dell'offerta di denaro in un determinato stato dell'attività economica. Dal momento che non v'è stato alcun cambiamento nella domanda per il mezzo di scambio, questo significa che le persone si ritrovano un surplus di denaro, o un aumento della liquidità monetaria.

Ovviamente nessun individuo vuole possedere più soldi di quanti necessita. Un individuo può sbarazzarsi della liquidità in eccesso scambiandola con le merci.

Tuttavia, tutti gli individui come gruppo non possono sbarazzarsi della liquidità in eccesso in questo modo. Possono solo spostare i soldi da un individuo ad un altro individuo.

Il meccanismo che genera l'eliminazione della liquidità in eccesso è l'aumento dei prezzi di beni e servizi. Una volta che le persone iniziano a spendere la liquidità in eccesso per acquisire beni, ciò ne fa salire i prezzi.

Di conseguenza aumenta la domanda per il servizio svolto dal mezzo di scambio. Tutto questo, a sua volta, accade per eliminare l'eccedenza di liquidità.

Una volta che il denaro entra in un determinato mercato, i prodotti di tale mercato richiederanno un prezzo superiore. Oppure possiamo semplicemente dire che il prezzo di un bene in questo mercato è salito. (Ricordate, il prezzo rappresenta il numero di dollari per unità di qualcosa.)

Si noti che ciò che ha innescato un aumento dei prezzi di beni e servizi in diversi mercati, è stato l'aumento della liquidità in eccesso in risposta ad un aumento dell'offerta di moneta.

Mentre l'aumento dell'offerta di moneta si trasforma in un'eccedenza monetaria, un calo dell'offerta di moneta per un dato livello dell'attività economica si trasforma in una carenza monetaria: gli individui richiederanno ancora la stessa quantità di servizi dal mezzo di scambio. Per aggiustarsi al nuovo equilibrio, inizieranno a vendere merci spingendo in basso i loro prezzi.

A prezzi più bassi, scende anche la domanda per i servizi del mezzo di scambio e questo a sua volta va a ripulire la carenza monetaria.

Un cambiamento di liquidità, o un'eccedenza monetaria, può anche verificarsi in risposta ai cambiamenti nell'attività economica e alle variazioni dei prezzi.

Ad esempio, un aumento della liquidità può emergere con un determinato stock di denaro e un calo dell'attività economica.

Una calo dell'attività economica significa un minor numero di merci prodotte. Ciò significa che verranno scambiati meno beni – il che implica un calo della domanda per i servizi del mezzo di scambio.

Una volta che si verifica un'eccedenza monetaria, quindi, essa ha esattamente lo stesso effetto di un aumento dell'offerta di moneta per quanto concerne i prezzi di beni e servizi, cioè, li spinge in su.

Un aumento dei prezzi, a sua volta, serve a ripulire suddetta eccedenza.

Al contrario, un incremento dell'attività economica, mentre lo stock di moneta rimane invariato, produce una carenza monetaria.

Questo a sua volta mette in moto la vendita di merci, deprimendone così i prezzi. Il calo dei prezzi, a sua volta, serve per ripulire la carenza monetaria.

C'è un certo ritardo tra i cambiamenti di liquidità e le variazioni nei prezzi degli asset, come i prezzi delle azioni. (Perché quando il denaro viene iniettato, non influenza immediatamente tutti gli individui e tutti i mercati. Il denaro ha destinatari precedenti e successivi.)

Ad esempio, ci potrebbe essere un lungo intervallo di tempo tra il picco di liquidità e il picco nel mercato azionario.

L'effetto di una precedente liquidità in ascesa può per un certo periodo di tempo continuare a far passare in secondo piano l'effetto attuale di una liquidità in discesa. Di conseguenza il picco nel mercato azionario si manifesta una volta che la diminuzione della liquidità inizia a dominare la scena.



Come i Cambiamenti di Liquidità Hanno Influenzato il Mercato Azionario

Ad esempio, il tasso annuo di crescita della liquidità ha raggiunto un picco nel novembre 1927 a 10.2% – dopo un intervallo di tempo di 22 mesi, l'S&P 500 ha risposto con un picco nell'agosto 1929 a 31.71. (Si noti che la liquidità è calcolata tra la percentuale di variazioni annuali nell'AMS meno la percentuale di variazioni annuali nell'IPC e nella produzione industriale.) Nel 1987 l'intervallo di tempo tra un picco nella liquidità e un picco nel mercato azionario è stato molto più breve – il tasso annuo di crescita della liquidità ha raggiunto un picco nel gennaio 1987 a 15.1%. L'S&P 500 ha risposto con un picco otto mesi dopo a 329.9 nel settembre dello stesso anno.





Secondo i dati storici, il tasso annuo di crescita della liquidità ha toccato il fondo a -16.6% nel maggio 1929. Tuttavia, c'è voluto molto tempo prima che l'S&P 500 rispondesse. Ci sono voluti più di tre anni prima che l'S&P 500 iniziasse a riprendersi. L'indice azionario ha toccato il fondo nel giugno 1932 a 4.43. L'intervallo di tempo tra il fondo toccato dalla liquidità e il fondo toccato dal mercato azionario è risultato più breve nella storia più recente. Il tasso annuo di crescita della liquidità ha toccato il fondo a -5.7% nel settembre del 2000. Ci sono voluti 25 mesi prima che l'S&P 500 toccasse il fondo a 815.28 nel settembre 2002.





Un altro esempio è il tasso annuo di crescita della nostra misura monetaria AMS, il quale cresceva del 4.5% nel maggio 1975. Il tasso annuale di crescita dell'indice dei prezzi al consumo si attestava al 9.5%, mentre il tasso annuo di crescita della produzione industriale aveva chiuso a -12.4%. Come risultato, la nostra misura della liquidità ha raggiunto un massimo di 7.4%. In risposta, l'S&P 500 ha raggiunto un picco di 107.5 nel dicembre 1976. La nostra misura della liquidità ha toccato il fondo a -10.4% nel maggio 1976. L'indice S&P 500 ha raggiunto il suo minimo a 87.04 nel febbraio 1978 – un calo del 19% rispetto al picco.





L'S&P 500 ha chiuso a 1,549.30 nell'ottobre 2007, prima che un forte calo portasse l'indice azionario a 735.1 nel febbraio 2009 – un calo del 52.3%. Il tasso annuo di crescita della liquidità ha raggiunto il 7.1% nel giugno 2003 (vedi grafico). Si noti che il fondo nell'indice di prezzo delle azioni raggiunto a febbraio 2009, è stato preceduto da un fondo nella liquidità a -6% nel novembre 2007.





Qual è lo stato attuale della liquidità USA e dov'è diretto l'S&P 500?

Suggeriamo che una grave minaccia per l'S&P 500 sia rappresentata da un calo della liquidità dal 30.6% del giugno 2009 al -7.4% del giugno 2010. (Si noti ancora una volta che l'intervallo di tempo tra un picco della liquidità e un picco dell'S&P 500 è variabile).

Se dovessimo assumere un ritardo di circa sei anni, allora possiamo suggerire che in base al picco della liquidità nel giugno 2009, il livello dell'S&P 500 a 2.061 raggiunto a marzo di quest'anno potrebbe non essere tanto lontano dalla cima.





[*] traduzione di Francesco Simoncelli: http://francescosimoncelli.blogspot.it/


2 commenti:

  1. Ultimo esempio in ordine cronologico, anche se il lasso di tempo è giustificatamente più breve: http://si.wsj.net/public/resources/images/WO-AW894_EUGREE_16U_20150619175705.jpg. Negli ultimi giorni il programma ELA riguardo la Grecia ha raggiunto gli €89 miliardi. Poi ci sono state le parole di Juncker riguardo un possibile accordo con la Grecia entro questo fine settimana. Risultato: le azioni delle principali banche greche sono salite più del 25%.

    RispondiElimina
  2. Ciao.
    Pur offtopic rispetto all'articolo, segnalo che le vie del Buon Senso sono infinite. Su Android ho trovato una app che si chiama Austrian Economics. Da valutare. Tutto fa. Per adesso poco più di 100 download.

    RispondiElimina