lunedì 11 marzo 2013

Manipolazione dell'oro, Parte 2: Come ci riescono (e suggerimenti su come proteggersi)





di Martin Sibileau


Questo è il secondo di tre articoli in cui discuterò della soppressione dell'oro. Nel primo articolo ho mostrato che, sotto la teoria economica mainstream, la soppressione del mercato dell'oro non è una cospirazione ma una necessità logica, una conseguenza logica. Questo secondo articolo mostrerà come ha luogo la soppressione. Coloro che hanno familiarità con il mercato dell'oro probabilmente non leggeranno nulla di nuovo. Il terzo articolo esaminerà le implicazioni di questa soppressione e andrà a sostegno della tesi dei gold bug (ossia che l'oro fisico verrà negoziato ad un prezzo più alto rispetto all'oro fiat o alle gold stock; anche questa non è una teoria campata in aria, ma una conseguenza logica del paradigma corrente).



Come ci riescono: Il concetto

Il sapere popolare, che ai banchieri centrali piacerebbe tanto distruggere, vuole che l'oro sia una buona protezione contro l'inflazione. Nella sua forma più semplice, l'oro non può essere stampato e, dato che la sua offerta resta costante, il suo prezzo dovrebbe aumentare se aumenta l'offerta di moneta fiat. I calcoli matematici impliciti dietro questo concetto possono essere espressi come segue:

Data una domanda costante di denaro...




L'equazione qui sopra mostra che il prezzo dell'oro, in termini di moneta fiat (in questo caso, il dollaro USA), rappresenta una funzione dell'offerta relativa d'oro e dell'offerta del dollaro USA. Nel caso di una moneta fiat, la sua offerta è il prodotto di due fattori: la base monetaria creata dalla rispettiva banca centrale ed il moltiplicatore del credito corrispondente. Questo moltiplicatore riflette ogni singolo mezzo con cui viene epsansa la base originale, attraverso il sistema bancario e il sistema bancario ombra.

Se l'equazione qui sopra fosse davvero rappresentativa dello stato di cose in cui ci troviamo, non ci sarebbe spazio per la manipolazione. L'offerta d'oro, in termini di once disponibili, potrebbe essere forse ridotta o confiscata, ma mai espansa. Il prezzo dell'oro, pertanto, non potrebbe essere soppresso.

Ora che sappiamo quello che non può accadere, cerchiamo di capire ciò che realmente sta accadendo. Per sopprimere il prezzo dell'oro i banchieri centrali hanno inventato una nuova moneta: l'oro fiat. I calcoli matematici dietro questo concetto possono essere espressi come segue:

Data una domanda costante di denaro...




Come si può vedere dalla seconda equazione qui sopra, il genio dei banchieri centrali non è stato quello di vietare l'oro ma di trasformarlo in un'altra moneta fiat, aggiungendoci un moltiplicatore del credito. In questo modo basta solo ampliare questo moltiplicatore più velocemente del numeratore (dell'equazione) e il prezzo dell'oro scenderà indipendentemente dai fondamentali. Se vogliono segnalare alla popolazione che possono farlo con totale impunità e per quanto desiderano, procedono quindi ad espandere il moltiplicatore del credito in determinati momenti della giornata (ad esempio alle 8:20).



Come ci riescono: I dettagli

Qui di seguito mi limiterò a descrivere come l'offerta di questa nuova moneta, l'oro fiat, viene espansa. La motivazione di questa espansione è stato già spiegata nel precedente articolo. Qui di seguito vi presento i passi intrapresi per l'espansione dell'offerta dell'oro fiat. Nel prossimo articolo vorrei approfondire il grafico qui sotto, affrontando le sue implicazioni e conseguenze. Ma oggi, limitiamoci a guardare la meccanica:




Il grafico qui sopra mostra i bilanci aggregati di banche centrali, bullion bank e mercato dell'oro. Le bullion bank gestiscono le transazioni in metalli preziosi e, in questo caso, in oro. Come si può vedere, le banche centrali posseggono l'oro come parte del proprio patrimonio. Tuttavia, possono scambiare le loro riserve auree per liquidità, ovvero, dollari americani. Si tratta di un semplice scambio ed è indicato come fase 1 nel grafico. La spiegazione ufficiale è che tali scambi vengono effettuati per necessità di liquidità temporanee, perché rimuovono dollari dal mercato (vale a dire, dalle bullion bank). In un secondo momento, non mostrato nel grafico, le bullion bank dovrebbero restituire l'oro alle banche centrali e ricevere indietro i dollari (compresi gli interessi). Per questo motivo, poiché il contratto di scambio implica il ritorno dell'oro in una fase successiva, le banche centrali sono autorizzate a tenere l'oro scambiato nel lato degli attivi dei loro bilanci.

Una volta che l'oro fisico è nelle mani (es. bilancio) delle bullion bank, possono creare prestiti in base a tale possesso rifornendo il mercato di oro fiat. Ciò è mostrato nella fase 2. L'oro è addebitato ed i prestiti in oro sono accreditati. L'importo massimo dei prestiti in oro è ovviamente un fattore del moltiplicatore del credito dell'oro fiat. Maggiore è il moltiplicatore, maggiore sarà l'offerta di oro fiat sul mercato; e la pressione sul prezzo scende.

L'ansia attorno a questo problema è evidente e le grandi domande sono: Fino a che punto possono spingersi le banche centrali con questa manipolazione? Quanto tempo può durare? Esiste un meccanismo con il quale il mercato possa tornare ai fondamentali? Dedicherò il prossimo articolo all'ultima domanda. Per quanto riguarda le prime, tutto quello che posso dire è che le banche centrali possono spingersi molto lontano con la manipolazione e può durare più a lungo di quanto io o voi possiamo immaginare. Perché? Perché a differenza del caso di altre valute e dei loro rispettivi moltiplicatori del credito, con l'oro fiat i giocatori che richiedono i prestiti sono anche quelli che fanno transazioni in oro (es. le bullion bank) e dominano il mercato dei pronti contro termine (fornendo finanziamenti a coloro che speculano sull'oro). Sono tutti uguali e sono solo una manciata. Giocano tra di loro e con le banche centrali. La gente che detiene oro fisico o le banche centrali che lo accumulano, ma non stipulano contratti di swap con le bullion bank, non possono costringere una contrazione del moltiplicatore del credito. Con le loro azioni (es. accumulando oro fisico), tutto quello che possono fare è forzare il resto delle banche centrali e le bullion bank interessate a contrarre un rischio più elevato nell'espansione del moltiplicatore. Ma non possono forzare una corsa per la consegna. Sono, per definizione, al di fuori del sistema.



Come possiamo proteggerci dalla manipolazione?

Un modo per proteggerci dalla manipolazione sopra descritta è quello di fare trading sull'espansione del moltiplicatore del credito dell'oro fiat. A questo punto, ricordo al lettore di leggere la mia dichiarazione di non responsabilità. (I miei commenti non sono destinati a fornire una consulenza personalizzata per gli investimenti e non tengono in considerazione gli obiettivi di investimento, la situazione finanziaria e le esigenze particolari di qualsiasi individuo.)

Se l'offerta d'oro fiat è un fattore della base monetaria dell'oro fiat e del suo moltiplicatore del credito, si può pensare a questi fattori come a dei proxy. A mio avviso, la base monetaria non solo è rappresentata dallo stock di oro fisico, ma anche da quello che ancora deve essere minato. L'oro fiat, invece, è rappresentato da futures o certificati sull'oro.

Quando la manipolazione ha esito positivo, il moltiplicatore del credito si espande. In questo caso dovrebbe essere redditizio andare long sulla promessa di consegnare oro e short sulla base monetaria dell'oro fiat. Quando la manipolazione non ha successo o si innesca una corsa per la consegna, il moltiplicatore del credito si contrae. In questo caso dovrebbe essere redditizio andare short sulla promessa di consegnare l'oro e long sulla base monetaria dell'oro fiat. Ci sono molti modi per esprimere questa tesi di trading, ma preferisco lasciare queste speculazioni al lettore.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: http://francescosimoncelli.blogspot.it/


--> Qui la Prima Parte: http://francescosimoncelli.blogspot.com/2013/03/manipolazione-delloro-parte-1-il.html

--> Qui la Terza Parte: http://francescosimoncelli.blogspot.it/2013/03/manipolazione-delloro-parte-3-il.html


9 commenti:

  1. aahhhh l oro fiat, l avevo intuito e detto tempo addietro...

    Come si può vedere, le banche centrali posseggono l'oro come parte del proprio patrimonio. Tuttavia, possono scambiare le loro riserve auree per liquidità, ovvero, dollari americani.

    ma perche dovrebbero farlo se possono semplicemente stampare?

    per il resto, non essendo per nulla preparato in tecniche di trading, in specie nel mercato dell oro, non ho capito come coprirsi. immagino, semplicemente, comprare un opzone inversa all oro fisico posseduto, o qualcosa del genere

    RispondiElimina
  2. Ciao gdbarc.

    >ma perche dovrebbero farlo se possono semplicemente stampare?

    Credo che sia semplicemente un artifizio contabile, un modo per aggirare la stampa diretta di denaro. Si moltiplicano le rivendicazioni su quell'oro in modo da mostrarne di più di quanto non sia e si piramida su queste riserve auree nuovo denaro, in modo che si possa dire: "Abbiamo l'oro nei nostri caveau per giustificare l'aumento dell'offerta di denaro." Ma l'oro è come se fosse in leasing.

    E' per questo che Ron Paul ha sempre spronato affinché si facesse un audit privato dell'oro della NYFED, non solo per controllare se ci sia davvero quell'oro ma anche di chi è. (Direi che questo, oltre al fatto di non scatenare un panico, è i lmotivo per cui la NYFED si è presa fino al 2020 per consegnare l'oro alla Bundesbank.)

    Neanch'io sono molto ferrato nelle tecniche di trading, in realtà non me ne sono ma iinteressato più di tanto. Ma credo che si giochi tutto con le gold stock e le opzioni (es. call option e put option).

    RispondiElimina
  3. Vilfredo Pareto11 marzo 2013 23:23

    1) le banche centrali mettono a bilancio IN UN'UNICA VOCE "gold and gold receivables". cioè col cazzo vi dico quanto è "mio", nel mio caveau, quanto ne ho "prestato" e non è + nel mio caveau, e quanto ne ho prestato, ma è sempre nel mio caveau.

    2) le banche non sono sceme: difficilmente fanno uscire il lingo dal caveau, quando "prestano", semplicemente prestano "la titolarità".

    3) al momento giusto, per nobilissime "ragioni di sicurezza nazionale", e per intervenire contro "i criminali speculatori in oro che hanno distrutto il sistema monetario", faranno un bel reset.
    il "gold and gold receivables" ritornerà ad essere "oro fisico nel mio caveau", e a chi aveva la "titolarità" sul tale lingo, andrà al più un corrispettivo in valuta FIAT, a quel punto ipersvalutata.

    4) anche fra le banche centrali, pesce grosso mangia piccolo. La FED glieli da col contagocce, il lingos alla BUBA, e immagino che li darà "col cazzo" a bankitalia (che grazie al cielo una parte dovrebbe averla nella "sacrestia" di bankitalia a Roma)

    per adesso sta bene a tutti, dalla Cina agli USA, dalla Russia alla Corea, che l'oro sia, INCREDIBILMENTE, a sconto.

    tutti vendono carta (ai deficenti che se la comprano) per tenere giù i prezzi, tutti si tengono (e cercano di accumulare) fisico, in attesa del botto.

    RispondiElimina
  4. Ciao Vilfredo.

    Le tue deduzioni sono condivisibili. Ma io temo solo una cosa: che il mercato dell'oro fiat trascini a picco quello del fisico. Praticamente, il prezzo che vediamo è legato ai gold certificates e ai futures (cose che sono nient'altro che promesse di consegnare oro). Intanto, come ricordi bene, le banche centrali rastrellano più oro fisico che possono. Ora, se il mercato dell'oro fiat dovesse andare nel panico ciò scatenerebbe vendite a cascata data la mancanza di garanzie dietro quei contratti.

    Un collasso del prezzo sarebbe inevitabile (nonostante ci siano persone che posseggono oro fisico, i lsu orpezzo scenderebbe lo stesso). Questo è un meccanismo a dir poco diabolico: quando ha successo il prezzo dell'oro fisico cala per apparente aumento dell'offerta, mentre quando inizia a "scricchiolare" i lprezzo cala lo stesso a causa di vendite a cascata per mancanza di garanzie sottostanti.

    RispondiElimina
  5. Un momento di sconforto Francesco?
    Non sei più ottimista come al solito e come ricorda North?

    Possibile che io, tra gli ultimi arrivati, debba essere più convinto di te?

    Nessun atto di fede. Ma quando le manipolazioni, di qualsiasi natura in qualsiasi campo dell'agire umano (e questi manipolatori sono umanissimi) cominciano ad aumentare e diversificarsi e sembrano pure inizialmente vincenti, beh, vuoil dire soltanto che... se la stanno facendo sotto.
    Forza e coraggio!
    Nel lungo vincono i buoni. North docet e Bibbia docet...

    Non può reggere un sistema interamente basato su qualcosa che non vale. Un mondo che non ha valori ed usa strumenti devianti non può che finire... male.

    RispondiElimina
  6. Ciao Andrea.

    Le pacche sulle spalle sono sempre le bnvenute, svolgono i loro ruolo di incitamento. Ma non ti preoccupare, non ero sfiduciato. Volevo solo far notare come i pianificatori centrali si siano premurati di confondere le acque con le loro macchinazioni.

    Infatti, è come se l'oro fisico stesse nuotando in un fiume "turbolento" legato stretto ad un cadavere (l'oro fiat).

    RispondiElimina
  7. Vilfredo Pareto12 marzo 2013 14:43

    " il prezzo che vediamo è legato ai gold certificates e ai futures"

    what-is-spot-price-of-gold-and-silver

    il link sopra è quel che di più approfondito sia mai riuscito a trovare su come cacchio tirino fuori dal cilindro il "prezzo" dell'oro.

    del "prezzo" ufficiale ce ne frega comunque assai poco:
    personalmente non ho alcuna intenzione di "tradare",

    un piccoletto come noi può facilmente indovinare un trend di lungo (basta informarsi e tirare 2 conclusioni),

    non ha invece alcuna possibilità di battersi sul breve/medio contro i professionisti:
    ormai i "mercati" sono solo interventi delle banche centrali, e insider trading da parte della "elite" finanziaria.

    come navigare in queste acque?
    solo metallo fisico (in Ita quasi solo sovrane e marenghi)
    in proprio possesso, comprato in contanti anonimamente (è ancora legale, sotto i 1000 euri)
    un tot al mese, tutti i mesi.
    se il "prezzo" è sceso, meglio, paghi meno
    se il "prezzo" è salito, meglio, quelle che hai si sono rivalutate
    in questo modo anche l'ansia svanisce, il tuo cervello non sa più se sperare che salga, o scenda.

    IMPORTANTISSIMO: tenere anche almeno un 6 mesi di spese IN CONTANTI, per gli imprevisti.

    l'oro fisico ha senso solo sul medio/lungo dai 2 anni in su.
    NON CONVERTITE soldi che pensate potrebbero servirvi a breve.

    RispondiElimina
  8. Non sono d'accordo con Simoncelli quando dice che i prezzi dei Future e del fisico non possano andare per contro proprio. Succede beneissimo per il Petrolio dove c'e' il Brent e il Crude Oil ! ... guarda il Gas a diverse scadenze come si differenzia!! almeno il doppio ..
    cazzata! .. comprate fisico che e' una sicurezza 10-20% dell'asset.

    RispondiElimina
  9. Ciao telecom.

    Anch'io sono a favore di possedere oro fisico. Stavo solo parlando dell'imprevedibilità delle reazioni degli individui qualora si accorgerebbero che i loro certificati sono solo carta straccia.

    Sul disaccopiamento di prezzo Sibileau dedicherà la prossima parte. Ma diversamente da petrolio e gas, l'oro è denaro e la propaganda ha lavorato duramente per denigrarlo. Infatti, tecnicamente, un mercato indipendente per il fisico non esiste. Se salta infatti il mercato dell'oro fiat, ci sarà un panico che porterà (prevedibilmente) a scaricare la cartaccia legata all'oro e potremmo vedere un ribasso pesante (temporaneo) del prezzo dell'oro. Non mi sorprenderei di vederl ocalare anche intorno ai $1,200.

    Se siamo, invece, "fortunati" salteranno le bullion bank facendo riemergere il "vero" prezzo dell'oro.

    RispondiElimina